Ok

By continuing your visit to this site, you accept the use of cookies. These ensure the smooth running of our services. Learn more.

24/07/2016

Sottomissione (M. Houellebecq)

houellebecq, parigi, sorbona, francia, presidente, huysmans, fratelli musulmani, islam, europa, futuroFrancia 2022: in un futuro molto prossimo il protagonista del romanzo di Houellebecq vive la sua conversione all’Islam. La vicenda si svolge nell’ambito universitario, nel momento in cui il partito dei Fratelli musulmani vince le elezioni e sale al governo della nazione francese. L’autore immagina che a non troppi anni da oggi, in molti Stati europei, sia nato e abbia preso rilevanza politica il partito dei Fratelli musulmani, grazie anche agli appoggi economici delle nazioni arabe produttrici di petrolio. L’avvento di questi partiti, che arrivano persino a governare, è dovuto al gran numero di musulmani presenti in Europa, alla loro politica moderata, alla grande disponibilità economica che gli permette di “comprare” la conversione dei cittadini occidentali. François è professore alla Sorbona e studioso di Huysmans, verso il quale nutre un’appassionata riverenza al punto di seguirne il percorso spirituale, o almeno confrontare il proprio con quello dell’autore. Nei giorni in cui il rappresentante dei Fratelli musulmani è eletto Presidente della Francia, François scoprirà, attraverso la conversione all’islam, nuovi stimoli, anche molto pratici, per rigenerare la propria esistenza, ormai indirizzata a un futuro da scialbo professore in pensione. Houellebecq presuppone anche che l’azione politica di questo partito musulmano, preveda l’entrata nell’Unione Europa degli Stati nord-africani e di tutto il bacino mediterraneo, fino ad immagine la creazione di un nuovo impero romano di fede islamica. I tempi prospettati nel romanzo dall’autore francese sono sicuramente inverosimili, ma questo quadro politico che può sembrare visionario, potrebbe nascondere delle verità con le quali le generazioni future si dovranno confrontare.

15/07/2016

Lo Stato dei Presidi nei disegni del cavaliere Ignazio Fabroni (G. Della Monaca-D. Roselli-G. Tosi)

argentario, fabroni, cavalieri, presidi, della monca, roselli, tosi, mappe, disegni, s.stefanoFabroni prestò servizio sulle galee dell’Ordine dei Cavalieri di S. Stefano, che, nella seconda metà del XVII secolo, navigavano presso le coste della bassa toscana a difesa di quei territori dalle scorrerie piratesche. Vista l’innata capacità di disegnatore, durante la navigazione e le soste a terra, raccolse molti disegni dei luoghi che costeggiava e visitava, nonché particolari usanze e costumi degli stessi. Gli autori hanno raccolto in questo libro quelli più significativi che riguardano l’attuale Costa d’Argento, allora Stato dei Presidi Spagnoli. Da queste vere e proprie fotografie dell’epoca si evincono particolari molto interessanti sulla conformazione urbanistica e lo stile di vita dei luoghi rappresentati.

La “Divina Commedia” Argentariana vol. I (S. Kindermann)

fanciulli, divina, commedia, kindermann, argentariana, stefano, argentario, pietro, paradiso, difettiPietro Fanciulli, autore dietro lo pseudonimo di Kindermann, aveva previsto per quest’opera in canti più volumi, senza però arrivare a compimento del tutto. Come egli stesso spiega nella prefazione, si tratta dell’immaginario viaggio di un cittadino santostefanese alla scoperta dei difetti dei propri concittadini. Il defunto è chiamato da S. Pietro e da S. Stefano, i quali gli illustrano la decadenza dello stile di vita in cui versa il Promontorio che egli abitava e l’incapacità degli abitanti di godere e rendere fruibili le bellezze innate del posto. In questo primo volume assistiamo proprio a questo incontro e alla partenza del santostefanese verso il paese dove ha vissuto. I due Santi sottolineano che gli attuali abitanti “non sanno apprezzare e valorizzare il grande dono che ha loro profuso la natura”, e le doti e le virtù di cui sono portatori sono invece offuscate e sopraffatte dai loro vizi e difetti. Ne viene fuori uno spaccato che sintetizzata in modo inequivocabile e veritiero gli atteggiamenti e la personalità degli abitanti del luogo, che a ben vedere potrebbe, senza smentita alcuna, essere trasferito dai concittadini dell’Argentario a tutti i connazionali d’Italia.

14/07/2016

La santa casta della Chiesa – I peccati del Vaticano – L’oro del Vaticano (C. Rendina)

rendina, oro, vaticano, casta, chiesa, papa, banca, peccato, stato, oroUn unico libro che raccoglie i tre libri dello storiografo Rendina. Se credete in ciò che professa il clero e nell’operato del Vaticano non leggete questo(i) libro(i). Lo scrittore analizza ed elenca la storia e gli uomini della Chiesa di Roma dal punto di vista economico e politico. Nel primo viene proposto un esame di ciò che ha condizionato le scelte dei Papi nell’arco dei secoli; nel secondo, come i vizi capitali sono sempre stati perpetrati dalla Chiesa; nel terzo, si elencano tutte le attività economiche gestite dallo Stato Pontifico e dalla Città del Vaticano. E’ semplice immaginare che dietro le azioni, le prediche, le scelte da parte dei rappresentanti della Chiesa Romana ci siano scopi che esulano da quello che la religione impone, ma leggendo questi testi si arriva all’inimmaginabile. L’autore ci fa superare “il si pensa” e “il si dice” indicando con estrema precisione date, fatti e ragioni. Si scopre così che mentre i risultati dei conclavi nei secoli addietro venivano pilotati dalle famiglie gentilizie, quelli odierni (Giovanni Paolo II, Benedetto XVI…) sono gestiti dagli interessi dell’Opus Dei (la società segreta del Vaticano nata e sostenuta dal dittatore Franco). Viene alla luce che la consacrazione di miracoli e santi (Lourdes, Padre Pio…) da parte della Chiesa avviene soltanto nel momento in cui questi assumono un valore economico per la stessa. Che l’invenzione del gioco del lotto e del monte di pietà sono avvenute nello Stato Pontifico, che pur condannandole le ha sempre gestite e sfruttate a proprio vantaggio, così come l’istituzione del simbolo “giallo” da indossare da parte degli ebrei è avvenuta nei ghetti papalini e che anche nei confronti di questo popolo la posizione della Chiesa è sempre stata ambigua: a fronte dei molti episodi di tutela nella seconda guerra mondiale si affianca l’aiuto bellico a favore dei nazisti. Un’ambiguità che ha sempre contraddistinto la posizione dello Stato Pontificio/Vaticano, con il Papa e il Clero che condannano a parole ciò che poi materialmente sostengono. Gli interessi economici della Chiesa si spingono, per esempio, in società che fabbricano armi, immettono sul mercato la pillola anticoncezionale, compiono operazioni finanziare anche nei paradisi fiscali, mentre si predica la pace, si condanna l’aborto e s’inveisce verso l’arricchimento economico. Il vero potere temporale della Chiesa non si è concluso nel 1870, con la breccia di Porta Pia, ma è iniziato nel 1929 con la firma dei Patti Lateranensi, con i quali è nato lo Sato del Vaticano, che da quel momento ha avuto il beneplacito per poter operare fuori da ogni termine di legge dietro la cortina dell’immunità diplomatica. Così gli Istituti finanziari ed economici della Santa Sede hanno potuto operare sfruttando operazioni immobiliari e riciclaggio di denaro proveniente dai più loschi affari: narcotraffico, rapimenti, criminalità organizzata, fallimenti bancari; lucrando persino sulla raccolta spontanea delle offerte. Il patrimonio economico dello Stato del Vaticano, costituito dai beni immobiliari in tutto il mondo, dalle opere d’arte custodite, dalle riserve auree, dalle partecipazioni negli istituti di credito internazionali, dalla proprietà di azionariato in migliaia di società, possono far immaginare che questo minuscolo e, allo stesso tempo, infinito Stato, sia il più ricco e il più corrotto esistente.

11/07/2016

Mare greco (V. M. Manfredi)

manfredi, ulisse, enea, diomede, greci, esploratori, colonie, roma, adriatico, troiaUlisse, Enea, Diomede sono i tre personaggi che l’autore analizza, con la collaborazione di Lorenzo Braccesi, in questo libro. Generalmente noti quali protagonisti di racconti epici, sono qui riproposti nella veste dei mitici navigatori che percorrendo il mediterraneo hanno dato origine alla colonizzazione greca delle terre di occidente. Il mito è quell’idea cui i popoli si rivolgono per arricchire il loro passato e i Greci utilizzarono quelli di questi personaggi per raccontare e tramandare i viaggi che i navigatori dell’epoca facevano per fondare le loro colonie. Gli stessi poemi, di cui non è certa l’origine, furono adattati alle esigenze con il passare del tempo: probabilmente le rotte percorse da Ulisse nell’Odissea originariamente riguardavano siti asiatici o comunque del mediterraneo orientale, per adattarsi successivamente, invece, a luoghi dell’occidente, quando i naviganti greci indirizzarono le loro rotte verso il bacino occidentale del mediterraneo. Analizzando storia, letteratura e archeologia si scopre che molti dei personaggi che avevano preso parte alle gesta belliche di Troia, primi tra tutti quelli esaminati nel libro, diventano poi i fondatori di città e genti anche d’Italia (Enea nel Lazio, Diomede nell’Adriatico….), fino a ritrovarli oltre le “colonne d’Ercole” e pesino in miti che li presuppongono in Gran Bretagna attraverso le rotte atlantiche. Non esistono fonti certe dalle quali poter dividere la realtà dalla mitologia e anche l’archeologia non è sempre in grado di confermare o smentire i racconti e i miti tramandati (della stessa Troia di fatto non si ha ancora un riscontro reale). Ancora oggi sono utilizzati i nomi di questi eroi quando ci si avventura in viaggi esplorativi: Ulisse è anche il nome di un modulo spaziale che percorre lo spazio e chissà che ai nostri pronipoti elevati all’ennesima potenza, non giunga la storia che Nausica abitava su Venere o Polifemo su Giove! Qualsiasi interpretazione rimane quindi in un limbo fantastico, che ancor di più ammanta di mitologia questi personaggi e le loro storie.

02/06/2016

Il Forte Pozzarello e il sistema difensivo del Monte Argentario dopo l’Unità d’Italia (G. Della Monaca – A. Giordano – D. Metrano)

della monaca, giordano, metrano, pozzarello, monte argentario, forte, regno, italia, capitale, difesaCon questo libro si torna al periodo della nascita dell’Italia unita e a come, già da subito, i governanti del neo regno si preoccupavano di non ricadere sotto il giogo straniero. Era palese che Francia, Spagna, Austria ed altri potessero tentare la riconquista dei nostri territori e s’impose quindi sin dall’inizio la necessità di difendere i confini. Necessità che divenne più sentita quando la capitale fu portata a Roma. In questo contesto Monte Argentario ha sempre avuto un ruolo strategico di prim’ordine: è situato al centro del Tirreno, ha una conformazione che crea dei porti naturali ben riparati, può difendersi dalla “terra ferma” e allo stesso tempo essere ponte per “offenderla”. I politici e militari di allora convennero che essendo Roma al centro della penisola i pericoli maggiori per difenderla venivano dal mare e proprio le coste dell’Argentario furono individuate come quelle più adatte a un eventuale sbarco nemico. Le nuove tecniche e i nuovi armamenti di guerra avevano reso inadatte le precedenti fortificazioni e così la necessità di costruire nuovi forti adatti allo scopo. E’ per questo che viene pianificata e realizzata la costruzione del Forte Monte Argentario, detto del Pozzarello. Il libro ripercorre la storia di questo manufatto fino ai nostri giorni, con approfondimenti e dettagli anche sull’aspetto architettonico e il contesto sociale in cui fu realizzato.

26/05/2016

Passeggeri notturni (G. Carofiglio)

passeggeri, notturni, carofiglio, einaudi, draghi, biglietto, mario, profezie, scortaTrenta brevi racconti, inventati o aneddoti di occasioni reali, sentite o vissuto dall’autore. Fotografie allegre, ironiche, tristi e drammatiche che celano ognuna un’occasione per il pensiero a riflettere. Carofiglio, con un linguaggio semplice e discorsivo, ci fa sentire amichevolmente protagonisti della narrazione e allo stesso tempo ci espone alcuni suoi punti di vista su argomenti che potrebbero, se presi alla leggera, sembrare banali. Un libro di poche pagine (ogni racconto ne conta tre) che si legge velocemente e piacevolmente.

24/05/2016

Viaggio nella Cappella Sistina (A. Angela)

michelangelo, angela, sisto, sistina, cappella, giudizio, universale, roma, vaticano, adamoQuesto è uno dei luoghi al mondo, forse il maggiore, in cui l’arte dell’immagine ha il suo massimo splendore. Visitarla, piuttosto che leggerne la descrizione su di un libro, è tutt’altra cosa, ma la competenza e le capacità di Angela ci conducono a scoprire dettagli su cui possiamo fissare l’attenzione avendo l’immagine a pochi centimetri dagli occhi. Il libro è un’ottima guida che varrebbe la pena rileggere prima e dopo la visita alla Cappella, e contiene anche, oltre a curiosità spicciole, riferimenti storici e biografici che ci permettono di avere un quadro più completo rispetto alla semplice descrizione artistica. La domanda che sorge spontanea è “… ma Michelangelo, Sisto IV, Giulio II e gli altri che hanno voluto e realizzato la Cappella come la conosciamo oggi, potevano immaginare che dopo 500 anni, la loro opera potesse avere l’inestimabile valore artistico che oggi li reputiamo?”. Voglio però prendere spunto dal libro per fare un’altra considerazione, avvalendomi dell’incipit dell’introduzione al libro stesso a firma di Antonio Paolucci, direttore dei musei vaticani: “Ogni giorno almeno ventimila persone, con punte di venticinquemila nei periodi di massima affluenza turistica, entrano in Cappella Sistina.”. Facendo due miseri calcoli questo significa che dalle visite alla Cappella si ricavano settimanalmente circa 1.500.000 di euro! Allora ribadisco quanto già sostenuto in alte circostante: su tutto il territorio Italiano sono raccolte opere artistiche, monumentali, archeologiche, urbanistiche e comunque culturali in ogni angolo e in quei pochi punti dove sono assenti, la natura e il panorama, sopperiscono egregiamente a questa lacuna. Siamo un museo artistico e paesaggistico a cielo aperto, al punto che ogni straniero dovrebbe pagare un biglietto soltanto perché è entrato in Italia. Eppure mai, dai nostri governi e governanti (a parte la voce di Sgarbi!), si sono mai intraprese iniziative per valorizzare e sfruttare questi beni, che ci fanno essere il Paese con più siti “patrimonio dell’umanità” UNESCO al mondo. Basterebbe rendere fruibili tutti questi beni per 24 ore al giorno perché la nostra Nazione arrivi ad incassare milioni di euro al giorno, risolvendo il problema economico, quello della disoccupazione e tutti potremmo vivere nel benessere grazie anche all’indotto che si verrebbe a creare. Ma questa semplice idea, che io esprimo da infimo cittadino, è senz’altro troppo banale per i geni che governano il nostro Stato. Certo, occorrono investimenti e impegno, ma spendere un milione di euro, per esempio, per riqualificare Pompei (sito unico al mondo!), ne farebbe incassare molti subito dopo. L’apertura notturna a Roma qualche giorno fa di tutti i musei e siti culturali, sebbene a un prezzo simbolico, ha portato a migliaia di visite, perché allora non farlo sempre anche a prezzi “normali”: chi deve decidere afferma che “la cultura non paga”, io invece credo che la “cultura non ha prezzo”, e chiunque sarebbe disposto a pagare un biglietto per poter usufruire a piacimento di tutte queste bellezze, che spesso, hanno per il nostro spirito un valore più salutare di una medicina per il corpo.

18/05/2016

Vento scomposto (S. Agnello Hornby)

vento, scomposto, agnello, hornby, pedofilia, abusi, minori, booth, pitt, patL’argomento trattato dal romanzo è molto delicato: pedofilia e abusi sui minori. Nello studio dell’avvocato Booth s’intrecciano casi di ogni genere riguardanti l’argomento, mostrando un quadro a tutti i livelli sociali e culturali di come persone e famiglie si trovano a dover subire o affrontare queste situazioni. Peccato che i signori Pitt, protagonisti in primis del romanzo, non appartengono a una famiglia tipo-media: possono infatti considerarsi dell’alta borghesia londinese. Questo permette al padre, il giorno stesso in cui è allontanato da casa, di andare ad abitare nella suite del miglior albergo di Londra e di comprarsi subito dopo una villa dove passare il suo “esilio”; oppure di pagare di tasca propria i migliori professionisti, a posto di quelli che dovrebbe mettere a disposizione gratuitamente il servizio sociale. Sta di fatto che lo sconvolgimento che da un giorno all’altro si abbatte sulla famiglia, per l’accusa di abuso sulla piccola Lucy, crea quelle situazioni che portano al quasi annientamento della famiglia stessa e che l’autrice riesce di buon conto a mettere in risalto. La domanda intrinseca nel racconto è naturalmente semplice e difficile allo stesso tempo: dando per scontato che è necessario preoccuparsi di portare alla luce situazioni che presuppongo l’abuso per evitare che i bambini continuino a esserne vittime, c’è però, da chiedersi, se è giusto rischiare di creare un allarmismo esasperato, che alla fine rischia di distruggere materialmente e psicologicamente una famiglia senza che abbia colpe. A mio giudizio, l’autrice scende troppo nei particolari descrittivi dei luoghi e delle situazioni, distraendo o addirittura annoiando il lettore: eliminandoli il romanzo diverrebbe più breve e intenso, così da coinvolgere e appassionare maggiormente chi legge.

25/04/2016

Fanciulli Their Hero (F. Birardi)

fanciulli, marine, band, marcia, america, birardi, stefano, argentario, casa bianca, usaL’autrice, dopo aver scoperto l’esistenza di un illustre concittadino ormai dimenticato sul suolo natio, per curiosità e passione, ha raccolto in questa piccola biografia i fatti salienti e le attività professionali e artistiche del maestro Fanciulli. Nato a Porto S. Stefano (GR) alla metà del 1800 il maestro si trasferì negli U.S.A. e lì ebbe un grande successo arrivando a dirigere la “Marine Band”, la più antica e importante banda musicale americana. Direttore e compositore, allietò con le sue marcie molti concerti a cavallo del XIX e XX secolo. Nel suo paese natale questa celebrità passò quasi inosservata fino a essere dimenticata.

24/04/2016

Non c’è Dio all’infuori di Dio (R. Aslan)

aslan, islam, musulmano, jihad, corano, maometto, sciita, sunnita, arabia, aliInnanzitutto per chi non lo sapesse e per fugare ogni dubbio sull’argomento del libro, il titolo è il principio dell’islam: quello che per i cristiani è “Non avrai altro Dio all’infuori di me”. E’ un testo molto interessante che consiglio di leggere a coloro che vogliono avere un’idea più chiara dell’islam e dei musulmani. Aslan ci racconta la storia di questa religione dalla sua nascita con Maometto (VI secolo d.C.) fino ai nostri giorni (prima dell’avvento dell’ISIS). La lettura del libro ci porta a fugare molti pregiudizi che l’Occidente ha spesso radicato nei confronti dell’islam: primo tra tutti, in questo momento, che i musulmani siano tutti terroristi. Scorrendo la storia ci rendiamo conto che gli stessi sono i primi a condannare l’ideologia della jihad e a subirne le conseguenze. Non è semplice, naturalmente, in una breve recensione affrontare e approfondire tutti gli aspetti, basti però pensare che l’islam persegue la fratellanza di tutti, che rifugge le classi sociali, che ha fatto nascere l’emancipazione della donna nei paesi arabi (il velo imposto è una forzatura), che contempla l’aiuto per precetto delle persone umili e più disagiate, che riconosce tutte le religioni. Anch’essa come l’ebraismo e il cristianesimo si fonda sulla dottrina di Abramo e come tutte le religioni monoteiste ha avuto delle “scissioni”, che, mancando un’unica guida spirituale come può essere il Papa, si sono trasformate in correnti e che per affermarsi l’una sull’altra sono sempre in lotta, anche violenta, tra loro. Molte di queste correnti si sono fatte forti di un’interpretazione diversa delle indicazioni fornite dal Corano, propagandandola come quella da seguire. Così come per la “lotta agli infedeli”: concettualmente è un aspetto interno all’islam, che deve essere esercitata verso coloro che professandosi musulmani, non seguono invece i precetti dell’islamismo; alcuni invece gli hanno voluto dare un carattere più guerrafondaio, declinandola verso tutti coloro che non professano il loro credo. Scopriamo anche dal racconto storico e dell’analisi dell’autore, che molti aspetti che oggi consideriamo negativi di questa professione di fede e del suo manifestarsi nella vita civile e sociale sono stati causati proprio dall’intervento dei popoli occidentali: il colonialismo, l’ingerenza nelle scelte politiche e non ultimo, e molto attuale, lo sfruttamento delle risorse economiche. Basti pensare a questo proposito che l’Arabia Saudita che per molti aspetti riteniamo il paese più avanzato in questo contesto, magari soltanto per le sue capacità economiche, è proprio quello che risente di più di quello che definiamo il fondamentalismo islamico e proprio nello stato Saudita sono nati quei gruppi (mujaheddin: sostenuti da americani e inglesi per contrastare i russi) da cui poi si è sviluppata l’attuale jihad. Negli ultimi due capitoli l’autore cerca di indicare quale può essere la via, affinché anche negli stati islamici si possano attuare dei governi democratici: a suo dire il principale aspetto riguarda la libertà di autodeterminazione che deve essere lasciata ai musulmani, facendo in modo che i paesi occidentali, pur sostenendo e aiutando questo processo, non lo condizionino cercando di imporre il loro concetto di democrazia. Certamente leggendo le analisi di Aslan è doveroso tener presente che queste scaturiscono dal suo punto di vista. Ciò che maggiormente si evidenzia è che se ogni credente e laico, professasse materialmente nella vita quotidiana il proprio credo, rispettandone tutti i precetti senza le ingerenze degli interessi umani, vivremo tutti in un mondo migliore.

 

05/04/2016

Tango a Istanbul (E. Aykol)

aykol, istanbul, kati, fofo, nil, libreria, giallo, tango, stambuliotaUn’altra avventura di Kati, la giovane libraia di Istanbul che per passatempo si dedica all’investigazione. Dopo aver ascoltato le dichiarazioni di una veggente, l’improvvisa malattia dell’amica della sua collaboratrice, la spinge a far luce sulla vicenda, che, per la libraia stambuliota, presenta non pochi interrogativi. L’azione si svolge nella città Turca e coinvolge, come sempre, amici e colleghi di Kati. L’autrice s’impersona nella protagonista e racconta in prima persona il romanzo, rivolgendosi direttamente al lettore. Il racconto è piuttosto “leggero” e sia il libro sia il giallo raccontato non hanno la presunzione di diventare best seller, benché sia piacevole, per chi ha avuto modo di conoscerli, percorrere i luoghi di Istanbul. Una tipica lettura da fare sotto l’ombrellone, con la possibilità di chiudere gli occhi e godere del gradevole tepore estivo.

30/03/2016

Giuda (A. Oz)

israele, giuda, tradimento, gesù, gerusalemme, oz, shemuel, atalia, wald, gurionGerusalemme, 1959: Shemuel è uno studente universitario che abbandona la facoltà per problemi economici e per una delusione d’amore ricerca nella solitudine l’ambiente per trovare risposte a sé stesso e alle sue scelte. Accetta così di lavorare a casa di un signore, dove, in cambio di vitto e alloggio oltre a un piccolo stipendio, dovrà giornalmente per alcune ore tenere compagnia a un disabile, ma soprattutto ascoltarlo e discorrerci. Lo studente vivrà alcuni mesi nell’abitazione, in un ambiente statico, che vive dei propri riti, e nella solitudine della sua mansarda cercherà di comprendere e far luce sui ricordi che i suoi ospiti tengono sopiti. Approfondendo la preparazione di quella che era la sua tesi universitaria, tesa a “sdoganare” la figura di Giuda Iscariota e mostrare un Gesù ebreo, e non cristiano, si troverà altresì a dover valutare se sia giusta o meno la creazione dello Stato di Israele. L’autore vuol porre in primo piano la figura del traditore, proponendo un’alternativa al senso comune con cui si giudica un tradimento, al punto che lo stesso, in alcune occasioni, è solo l’etichetta con cui si identificano coloro che in realtà sono coerenti con le proprie scelte.

20/03/2016

Giacomo Leopardi (raccolta dal Canzoniere e dalle Operette Morali)

leopradi, canzoniere, recanati, operette, morali, passero, silvia, infinito, colleNaturalmente non posso aggiungere nulla a tutto quanto già detto. Soltanto che è sempre piacevole rileggere opere come queste e se, come si dice, la poesia è grande quando non ha tempo, l’opera di Leopardi è sempre attuale: “O patria mia, vedo le mura e gli archi e le colonne e i simulacri degli avi nostri, ma la gloria non vedo, non vedo il lauro e il ferro ond’eran carchi i nostri padri antichi. Or fatta inerme, nuda la fronte e nudo il petto mostri. Oimè quante ferite, che lividor, che sangue! oh qual ti veggio, formosissima donna! Io chiedo al cielo e al mondo: dite dite; chi la ridusse a tale? E questo è peggio, che di catene ha carche ambe le braccia; sì che sparte le chiome e senza velo siede in terra negletta e sconsolata, nascondendo la faccia tra le ginocchia, e piange. Piangi, che ben hai donde, Italia mia, le genti a vincer nata e nella fausta sorte e nella ria. …” (All’Italia – Canzoniere)

17/03/2016

Sei come sei (M.G. Mazzucco)

omosessuali, coppia, adozione, utero, affitto, eva, christian, giose, figlio, yumaAnche se il romanzo è uscito qualche anno fa, l’argomento di cui tratta è attualissimo, soprattutto per gli eventi legislativi degli ultimi mesi. La storia narra di due omosessuali che convivono da vera coppia di fatto e decidono di far nascere un proprio figlio con il cosi detto metodo dell’utero in affitto. Le difficoltà della vita in comune con la bambina, dal punto di vista dei rapporti sociali, non sono nulla al confronto delle problematiche che seguono alla morte di uno di essi. Il padre “numero due”, per la legislazione vigente è un estraneo e non ha alcun diritto nei confronti della bambina, che così è affidata agli zii. La separazione è traumatica e benché zii e nonni (da parte di quello che è considerato il padre naturale deceduto) apparentemente si dimostrino disponibili, non essendolo poi di fatto, portano la piccola a compiere un gesto estremo verso un compagno di classe. I sentimenti che legano Eva, la piccola protagonista, ai due “genitori padri” sono molto forti e prevaricano gli aspetti pratici e sociali che deve affrontare nei confronti di una società e una burocrazia che in sostanza la classificano “diversa”. A prescindere dal racconto, la cui lettura ha suscitato grandi proteste al liceo “Giulio Cesare” di Roma reso famoso da una canzone di Venditti, il libro è uno spunto per poter riflettere su questioni che ad oggi è necessario affrontare e delle quali è impossibile negare l’esistenza e la quotidianità. Il mio giudizio è che ogni coppia di persone che convivono assieme, di qualunque sesso siano, debbono avere la possibilità di legalizzare la propria unione ed acquisire paritetici diritti e doveri, sia in vita che dopo la morte, di una famiglia considerata “canonica”. Per quanto riguarda la possibilità di avere dei figli, non ho remore verso l’adozione di un bambino/a. Diversa è invece la pratica dell’utero in affitto, dove il seme o l’ovulo di un soggetto della coppia è inseminato artificialmente da un terzo soggetto esterno e la gravidanza si compie nell’utero di un quarto soggetto: tale pratica è secondo me al limite della mercificazione della vita umana, sia dal punto di vista affettivo che economico. Nota di “colore locale” nel romanzo: per mettere assieme la somma necessaria a procreare la bambina, uno dei due uomini vende l’appartamento di cui è proprietario all’Isola del Giglio!